Ferrero: "Prestiamo grande attenzione al settore giovanile. Provato a chiedere Cutrone, ma il Milan non lo cedeva"

di Paolo Bardetta
articolo letto 3785 volte
Foto

Durante la trasmissione Tiki Taka, andata in onda ieri sera su Italia 1, è intervenuto il patron blucerchiato Massimo Ferrero che ha affrontato, come sua consuetudine, parecchi argomenti. 

Il presidente blucerchiato dapprima ha risposto alla domanda su quale giocatore qualsiasi comprerebbe della Serie A: "Icardi lo abbiamo già avuto, un bravo ragazzo. Higuain è un grande giocatore, che prenderei subito. Sente la porta come pochi".Che ne pensa di Allegri? "Allegri è un grande comunicatore e un ottimo allenatore". 

Nella lunga intervista ha poi manifestato cosa il calcio gli ha dato in questi anni e soprattutto le sue corse sotto la gradinata: "Mi ha dato emozioni inaspettate. Rappresento il popolo in modo normale, prendo gli autobus,non ho aerei privati o elicotteri. Sono uno di loro. La cosa che mi fa felice qui alla Sampdoria è che, dopo che sono arrivato io, stiamo rifacendo il centro di allenamento, abbiamo inaugurato Casa Samp e la struttura a Bogliasco diventerà un fiore all’occhiello. Prestiamo grande attenzione al settore giovanile. Se non investi nelle strutture non ottieni risultati". 

Su Schick: "Alla Roma ho dato un vero campione, un talento naturale, un ragazzo umanamente pazzesco. Solo il tempo mi darà ragione: non si è allenato e lo hanno buttato nella mischia. A Roma c'è tanta pressione, diamogli tempo e ci farà divertire. Varrà 100 milioni". 

Sul momento di Quagliarella: "Io dico sempre ai ragazzi: "Giocate e divertitevi". Se ti diverti e non senti la pressione, puoi fare bene. Fabio è uno di quelli che si diverte molto. È un uomo eccezionale, è un campione che si diverte ancora qui alla Samp".

Una battuta su Cutrone: "È un ragazzo di grande prospettiva, regalerà molte soddisfazioni. Ho provato a chiederlo al Milan ma non lo cedevano. L'ho cercato prima che facesse tutti questi gol. Nel vivaio del Milan ci sono altri 2-3 ragazzi bravi".

La conclusione sul Var: "Aiuta molto, è uno strumento importante che abbiamo voluto. Io in tempi non sospetti ho dichiarato che prima ci lamentavamo dell’arbitro, che è un uomo e può sbagliare, ora col Var ci lamentiamo tutti della tecnologia. Basta, andiamo avanti”.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI