Il tifoso Giovanni presente allo Scida: "Una squadra secchiona"

di Redazione Sampdoria News
articolo letto 2465 volte
Foto

Ieri a Crotone la Sampdoria ha ripetuto la pessima prestazione di Benevento, tornando a casa con un pugno di mosche in mano e la gigantesca consapevolezza di aver gettato al vento l'ennesima occasione d'oro per alzare ulteriormente l'asticella, dimostrando a livello di mentalità di aver imparato dagli errori passati.

Gli unici a meritare applausi a scena aperta sono stati i numerosi tifosi che hanno seguito l'amata Sampdoria anche in occasione della lunga trasferta in Calabria. Giovanni Costantino, uno tra i cuori doriani presenti allo Scida, ci ha scritto in redazione esternando il proprio pensiero:

Una squadra “secchiona”. Domenica contro il Crotone sembravamo un secchione in gita, che aveva fatto tutti i compiti, aveva messo il vestito bello e girava in una nuova città. Ma nel mercatino rionale, dove odori, urla e umori,  colorano la gente, devi essere scaltro, vispo e presuntuoso, bisogna osare, cambiarsi d’abito e rischiare brutte figure per poter raccontare qualcosa, al ritorno a casa. Contro squadre del genere, a volte dobbiamo abbandonare il copione. La nostra carta d’identità dice che abbiamo un gioco riconoscibile e caratteristico, che fuori casa però perde di furore e intensità. Serve spavalderia, intraprendenza e quindi cambiare modo di giocare. E sì, la Samp anche ieri ha provato a fare il suo gioco, fatto da passaggi orizzontali ad aspettare il varco giusto per verticalizzare e fare male, ma contro squadre come il Crotone, che mettono dietro la palla anche i magazzinieri, serve altro.

Si continua a preferire Murru a Strinic (Ma davvero i sette milioni spesi per il sardo, valgono di più di un accesso in Europa…) e ieri con Sala (troppo lento al rientro) avevamo un giro palla a ritmi bassi e prevedibili. Fieri di un trequartista tecnico, siamo stati in balia dei “falegnami” Crotonesi, serviva  gente per fare legna e invece abbiamo anche regalato, potenza e velocità davanti. Perchà non sempre il bel gioco paga, si vincono le partite anche in contropiede e con un lancio lungo. Forse è questo il limite di questa squadra, non saper cambiare pelle a partita in corso. Travestirsi da brutti e cattivi fa paura anche agli altri. Speriamo che tutto ciò serva da lezione, coraggio le gite scolastiche iniziano adesso. 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy